perugia
skyline
facebook twitter youtube Feed RSS
X
  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
Le operazioni della Guardia di Finanza

Fiamme gialle in allerta: scoperto un prestanome a Terni e sequestrati una villa con piscina e un’auto nel tifernate

  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
Immagine articolo - Il sito d'Italia

Due grosse operazioni nella lotta all’evasione fiscale sono state portate a termine dalla guardia di finanza in Umbria. A Terni infatti gli uomini delle fiamme gialle hanno scoperto un prestanome, a cui è stata contestata un’evasione di 17 milioni di euro. L’uomo, un ternano di 50 anni, aveva operato tutta una serie di movimenti di capitale per un totale di 14 milioni di euro, per poi dichiarare al fisco un reddito pari a zero. Dagli accertamenti delle forze dell’ordine era risultato che l’uomo, pur avendo effettuato dei movimenti di denaro sui propri conti e riferiti a rapporti con società estere, (Austria, Germania, Olanda e Belgio) nel 2006 aveva dichiarato un reddito pari a zero, mentre l’anno successivo non aveva presentato la dichiarazione dei redditi. L’uomo è risultato quindi essere un prestanome, il cui compito sarebbe stato quello di apporre la propria firma su alcune operazioni, ricevendo in cambio piccoli compensi. L’uomo avrebbe operato per conto di un romano che, una volta individuato, è stato segnalato alla guardia di finanza di Roma. Le fiamme gialle hanno comunque assicurato che sarà possibile recuperare il denaro non dichiarato al fisco, anche grazie al sequestro del patrimonio del reale beneficiario dell’evasione fiscale. E beni per un valore di 430 milioni di euro sono stati sequestrati in un comune dell’Alta Valle del Tevere. I sigilli della guardia di finanza sono stati apposti infatti su una villa, sul terreno con piscina annesso, e su di un’auto di grossa cilindrata. Destinataria del provvedimento una società tifernate operante nel settore metalmeccanico. Secondo le indagini delle fiamme gialle l’impresa non aveva presentato le previste dichiarazioni, omettendo di dichiarare al fisco redditi per oltre due milioni di euro e di versare l''Iva per quasi 500 mila euro. Il titolare della società, che al momento della richiesta non aveva presentato alcun documento contabile, è stato quindi denunciato per reati tributari e per il reato di distruzione di documentazione contabile, reati contestatigli anche a seguito di tutta una serie di controlli incrociati e accertamenti bancari che hanno permesso di risalire all’effettivo volume d’affari dell’azienda. E i controlli della guardia di finanza tifernate hanno interessato anche la convivente dell’imprenditore, a cui erano stati intestati beni mobili ed immobili, acquistati dall’uomo anche attraverso aste giudiziarie. La donna però sarebbe risultata solo intestataria fittizia dei beni, mentre a disporne sarebbe stato il titolare dell’azienda. (MT)

Manda i tuoi comunicati stampa a: [email protected]