perugia
skyline
facebook twitter youtube Feed RSS

 

X
  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).

La Archimede Solar Energy fornirà le tubature speciali

Da Massa Martana una centrale termodinamica in India

L'impianto sarà realizzato nel deserto del Rajasthan
  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
Immagine articolo - Il sito d'Italia

La Archimede Solar Energy (Ase), l'azienda di Massa Martana controllata dal Gruppo Angelantoni e paertecipata da Siemens, fa parte di un consorzio che costruirà una centrale solare termodinamica in India basata sull'innovativa tecnologia inventata dal fisico Carlo Rubbia e sperimentata in un impianto in Sicilia entrato in funzione l'anno scorso. Il progetto, che rientra nel programma indiano ''Solar Mission'' per lo sviluppo dell'energia solare, sarà realizzato nel deserto del Rajasthan. La tecnologia è stata presentata a New Delhi in un stand inaugurato ieri dall'Istituto Commercio Estero (Ice) nell'ambito del convegno internazionale World Sustainable Development Forum 2011 organizzato dal centro studi Teri, guidato dal Nobel per la pace indiano Rajendra Kumar Pachauri. La centrale, battezzata Rajasthan Solar One, del valore di circa 60 milioni di dollari, sarà in grado di produrre 10 megawatt, equivalenti al fabbisogno di oltre 3 mila case, secondo gli standard occidentali. La sua particolarità risiede nella capacità di raccogliere e conservare per molte ore l'energia termica del sole per generare energia elettrica anche di notte o quando il cielo è coperto. Grandi impianti solari termodinamici a concentrazione sono già in funzione con successo, in particolare in Spagna e Stati Uniti. Ma a differenza del metodo ''tradizionale'' che usa lunghe file di specchi per concentrare il calore del sole su un tubo dove scorre olio sintetico, la tecnologia italiana utilizza i sali fusi come fluido termovettore al posto dell'olio. Questi sali raggiungono infatti temperature molto più elevate (550 gradi anzichè 400), permettendo all'impianto di restare in funzione quasi a ciclo continuo. (MP) 

Manda i tuoi comunicati stampa a: [email protected]