perugia
skyline
facebook twitter youtube Feed RSS

 

X
  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
Aspettando Umbria Jazz

Anche Umbria Jazz festeggerà l'unità d'Italia

La manifestazione fra l'8 e il 17 luglio
  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
Immagine articolo - Il sito d'Italia

Torna anche quest’anno, a Perugia, tra l’8 e il 17 luglio, una nuova edizione di Umbria Jazz, sempre caratterizzata da un eclettismo musicale di grande varietà e qualità. Il 9 luglio avremo l’occasione di ascoltare, nella loro unica data italiana, Herbie Hancock, Marcus Miller e Wayne Shorter che celebreranno il ventesimo anniversario della scomparsa di Miles Davis, per poi proseguire, il 12 luglio, con il latin rock di Carlos Santana e, il 16 luglio, con il blues di BB King, preceduto da Trombone Shorty con la sua Orleans Avenue. Concerti, questi, che si terranno all’Arena Santa Giuliana di Perugia. L’appuntamento prosegue con un grande del pianoforte, Ahmad Jamal; ad aprire la sua esibizione sarà Hiromi Uehara, sua migliore allieva. Sarà poi la volta, con il loro ritmo carioca-caraibico, di Sergio Mendes, Michel Camilo e Chuco Valdes, e non mancheranno nuove proposte come l’olandese Caro Emerald. L’evento vedrà protagoniste anche grandi donne della musica: la cantante Dee Alexander, la clarinettista israeliana Anat Cohen (con il suo quartetto), e Tia Fuller, sassofonista che si muove sapientemente tra il jazz e il pop. La particolarità di quest’edizione sarà da rintracciare tra la rappresentanza italiana (di grande rilevanza e quest’anno ancora più numerosa): a tutti gli artisti italiani sarà chiesto di eseguire durante il loro concerto una rilettura personale dell’ “Inno di Mameli”, un modo originale per festeggiare i 150 dell’Unità d’Italia e la nostra identità nazionale…in chiave jazz! (Per la Redazione Giorgia Bazzanti)

Manda i tuoi comunicati stampa a: [email protected]