perugia
skyline
facebook twitter youtube Feed RSS
X
  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
Violenza sui minori

Orrore ad Umbertide: un arresto per presunta violenza sessuale su un bimbo di 11 anni

Il ragazzino, sotto choc, ha subito raccontato tutto a mamma e papà
  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
Immagine articolo - Il sito d'Italia

Una terribile storia di violenza sui minori tocca ancora tragicamente la nostra regione. Un ragazzino di 11 anni ha riferito di aver subito pesanti molestie da un vicino di casa, amico dei genitori, in un condominio di Umbertide. Queste pesantissime accuse hanno portato gli inquirenti al fermo immediato di un uomo di 56 anni con l’imputazione gravissima di violenza sessuale. L’arresto dell’uomo è stato effettuato giovedì 10 marzo da parte degli agenti del commissariato di polizia di Città di Castello, dopo un’instancabile attività di indagine protrattasi per due giorni. I poliziotti hanno rintracciato e posto in stato di fermo quindi questo soggetto, un italiano di 56 anni incensurato domiciliato ad Umbertide, in quanto pesantemente indiziato di violenza sessuale aggravata, trattandosi di presunta violenza nei confronti di minore e perché effettuata nelle vicinanza della scuola frequentata dalla vittima (tale tipologia di delitto è normato dagli artt. 609 bis-609 ter n.1 e 5 bis del codice penale). L’uomo, secondo quanto riferiscono le prime comunicazioni degli inquirenti, avrebbe abilmente approfittato del vincolo di fiducia scaturito dall’amicizia con i genitori del minore per convincerlo ad andare con lui, con la scusa di accompagnarlo a casa, a bordo del suo veicolo in una zona di campagna piuttosto isolata dove sapeva di poter agire indisturbato. Il ragazzino, ancora sconvolto da quanto accaduto, avrebbe subito raccontato ai propri genitori ogni particolare e le indagini della polizia - subito scattate - hanno consentito di raccogliere elementi definiti “precisi e concordanti”, conducendo al fermo dell’uomo che, dopo l’interrogatorio del pubblico ministero, è stato rinchiuso nel carcere di Capanne, a Perugia, a disposizione dell’autorità giudiziaria. Domani ulteriori sviluppi di una storia che non si vorrebbe mai raccontare.

Manda i tuoi comunicati stampa a: [email protected]