perugia
skyline
facebook twitter youtube Feed RSS

 

X
  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
L'incontro

L'Umbria del vino e del tabacco guarda alla Cina

La Fedagri-Confcooperative e la cantina "Terre de' Trinci" hanno presentato all'assessore Cecchini i risultati del progetto per la promozione del vino umbro nel mercato cinese. L'esplorazione del mercato asiatico è servita per porre le basi per la creazione di legami commerciali anche per il comparto tabacchicolo
  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
Immagine articolo - Il sito d'Italia

Il direttore di Fedagri-Confcooperative, Lorenzo Mariani, e il Presidente della Cantina Cooperativa “Terre de’ Trinci” di Foligno (che aderisce a Fedagri), Lodovico Mattoni, hanno incontrato l’assessore regionale all’Agricoltura, Fernanda Cecchini, per condividere il successo di un progetto volto alla promozione dei vini umbri nel mercato cinese promosso dalla Cantina stessa e co-finanziato dalla Regione dell’Umbria nell’ambito del programma dell’OCM Vino. “L’iniziativa – ha spiegato il presidente Mattoni - prevedeva una serie di incontri pubblici con autorità politiche locali, importatori e agenti commerciali in alcune città del sud est del paese: Changde, Anhui e Gaoming Foshan. Gli incontri hanno visto una partecipazione di diverse centinaia di operatori e l’apprezzamento del nostro vino è stato clamoroso, trovando concretezza da subito nell’invio di tre container di vino umbro fin dal mese di settembre. Il momento è particolarmente propizio – ha concluso Mattoni – perché l’”Italian food” gode di un largo consenso nello sconfinato mercato cinese e nelle città oggetto dell’iniziativa, che sono state accuratamente selezionate dal partner orientale del progetto”. “Questo successo del made in italy con forti connotazioni umbre – ha proseguito il direttore di Fedagri, Lorenzo Mariani – ci spinge a dover mettere in campo nei prossimi anni strategie di sistema per arrivare in maniera efficace in mercati lontani, ripercorrendo vie in cui sono state aperte opportunità e relazioni commerciali anche da imprenditori non propriamente del settore agroalimentare, ma comunque legati al brand Umbria. Un’azione continuata su tali contesti facilita la fidelizzazione del consumatore e la riconoscibilità del nostro brand evitando in tal modo il disperdersi in tante micro-azioni promozionali a spot”. Nella spedizione orientale sono stati introdotti con le autorità locali anche altri argomenti di interesse del mondo agricolo umbro, non ultima l’ipotesi di avviare relazioni nel comparto tabacchicolo essendo quella provincia cinese un polo di produzione del tabacco estremamente importante. In tal senso è stato manifestato un grande interesse da parte delle autorità cinesi ad attivare un contatto con la nostra regione. “Quello cinese – ha detto l’assessore Cecchini, esprimendo il proprio apprezzamento per il successo dell’iniziativa co-finanziata dalla Regione - è un mondo che deve necessariamente stimolare l’attenzione del sistema agroalimentare regionale per le sue grandi opportunità che già oggi è in grado di offrire e per i notevoli trend di crescita che contraddistinguono la sua economia. In tal senso credo che sia senz’altro interessante poter avviare relazioni nei comparti in cui il nostro sistema agricolo regionale è in grado di esprimere eccellenze unanimemente riconosciute. Tra queste sicuramente il vino e il tabacco. Valuteremo pertanto attentamente le proposte di collaborazione che ci sono state avanzate, cercando di lavorare per far sì che tali opportunità possano essere messe a profitto dalle nostre imprese”. (MT)

Manda i tuoi comunicati stampa a: [email protected]