perugia
skyline
facebook twitter youtube Feed RSS

 

X
  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).

L'episodio sulla spiaggia fanese dell'Arzilla lo scorso weekend

Violenza di Fano: arrestati i tre minorenni di Città di Castello

I tre sono stati trasferiti questa mattina nei carceri di Napoli, Bari e Firenze. Sulla vicenda si sono espressi il legale di uno dei tre ragazzini tifernati e il primi cittadino di Città di Castello sentito dall'Ansa
  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
Immagine articolo - Il sito d'Italia

Sono finiti in manette i tre ragazzini tifernati accusati di violenza sessuale ai danni di una quindicenne fanese. I tre sono stati prelevati dalle loro abitazioni, questa mattina alle 7, dai carabinieri di Fano, che li hanno portati in tre diversi carceri: a Napoli, Bari e Firenze. I provvedimenti restrittivi sono stati emessi dal gip per il pericolo di reiterazione del reato, a seguito della richiesta avanzata dalla procura dei minori di Ancona. “Un'ordinanza che risente pesantemente della componente emotiva” è il commento a caldo di Giancarlo Viti, legale di uno dei tre ragazzi, per il quale “solo così si può giustificare l'aver accreditato sul piano indiziario le dichiarazioni della persona offesa nonostante le incongruenze e le contraddizioni risultanti dal testo dello stesso provvedimento, nel quale si riportano due distinte ricostruzioni dalla stessa persona offesa offerte a distanza di ore, tra loro significativamente diverse e di assoluta incompatibilità”. Secondo l'avvocato Viti “altri soggetti presenti” avrebbero “fornito informazioni diverse” che sosterrebbero “l'assoluta estraneità” del suo assistito. Il legale ha poi espresso la propria amarezza per il fatto che “il gip abbia disposto la misura della custodia in carcere di assoluta straordinarietà soprattutto nel rito minorile, quando l'unica e peraltro insussistente esigenza individuata nel pericolo di reiterazione del reato, poteva e doveva essere presidiata con altra misura molto meno afflittiva quale ad esempio quella degli arresti domiciliari”. L'avvocato Viti ha quindi fatto presente che nella stessa giornata di oggi predisporrà la richiesta di riesame. E sulla vicenda si è espresso anche il primo cittadino di Città di Castello, Luciano Bacchetta, che, raggiunto telefonicamente dall'Ansa, ha dichiarato come la vicenda abbia “creato grande apprensione nella nostra comunità e che, dopo gli arresti dei tre ragazzi, ci rende tutti più che mai angosciati”. Il sindaco Bacchetta, sempre ai microfoni dell'Ansa, a poi ribadito come provengano da “famiglie veramente perbene”, componente questa che “aumenta ancora di più il nostro sconcerto di fronte a questa vicenda, rispetto ai cui sviluppi giudiziari non possiamo che ribadire la massima fiducia nell'operato della magistratura”. I tre minori di Città di Castello sono stati accusati di aver violentato una ragazzina di quindici anni lo scorso fine settimana sulla spiaggia dell'Arzilla, a Fano, durante la Notte Bianca. (MT)

Manda i tuoi comunicati stampa a: [email protected]