perugia
skyline
facebook twitter youtube Feed RSS
X
  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
Calcio Femminile

La Grifo ci prova: il Brescia cala il tris

  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
Immagine articolo - Il sito d'Italia

Il campo  conferma i pronostici della vigilia. Il Brescia sbanca San Sisto(3-1) ma fatica più del previsto, perché la Grifo  ci mette la giusta tenacia e per un buon tratto di gara tiene testa al più blasonato avversario. Alla fine il maggior tasso tecnico delle lombarde è prevalso, così come le immancabili ingenuità della retroguardia biancorossa. La squadra di Scapicchi si presenta al cospetto della terza della classe senza la squalificata Bordellini e con la Migliorini ancora in permesso dopo il grave lutto che ha colpito di recente la sua famiglia. Spazio comunque al consueto 4-2-3-1, con la giovane Marinelli punta centrale e il trio Natalizi, Proietti e Pugnali alle spalle. Dietro si rivede la Parise in coppia con la Saravalle, mentre tra i pali la Cucchiarini prende il posto dell’acciaccata Monsignori. Chi si attende una gara a senso unico, deve subito ricredersi perché la Grifo se la gioca senza timori. Il Brescia attacca e cerca di mettere in moto la manovra offensiva e il Perugia riparte con la Marinelli che si butta su ogni pallone. Al 18’ le lombarde sfiorano il vantaggio: il terzino  Gama arriva sul fondo e mette un cross invitante per la Boni, il cui tiro però finisce alto. Risponde qualche istante dopo la Pugnali: solita discesa sulla sinistra, palla che rientra sul destro e conclusione pericolosa. Il preludio al vantaggio biancorosso. Sull’out mancino, questa volta, si presenta la Marinelli (20’), che con un guizzo scatta in area di rigore e lascia partire un sinistro che sorprende l’estremo difensore avversario.  Il Brescia subisce il colpo e per una decina di minuti non reagisce. Il maggior tasso tecnico della squadra di Bertolini e la maggior scaltrezza, però, alla lunga vengono fuori. Neanche un minuto dopo la mezz’ora, Sabatino è brava e fortunata nel conquistarsi un pallone dentro l’area biancorossa, con la conclusione ravvicinata che non lascia scampo a Cucchiarini. Uno ad uno e risultato di nuovo in discussione. Dalla fretta con cui l’attaccante bresciana raccoglie il pallone in fondo alla rete si percepisce il desiderio di sorpasso. Che inesorabile arriva qualche istante prima del riposo. Calcio d’angolo della Alborghetti palla in area per la Prost, che anticipa il diretto avversario e indirizza in porta  un destro appena deviato dalla Fiorucci.  Grifo di nuovo rimontata e che ad inizio ripresa rischia di capitolare. L’esterno d’attacco bresciano Cermoia nel giro di un paio di minuti (2’ e 4’) colpisce un palo e una traversa con Cucchiarini battuta. Passato lo spavento la squadra perugina prova a ripartire, ma la Marinelli pecca di inesperienza quando al 10’ si incaponisce in un’azione solitaria e non serve la Pugnali tutta sola e ben posizionata. Al 18’ Cermoia chiude i conti con la sfortuna e centra il tris di sinistro, dopo una prima respinta della Cucchiarini e il successivo servizio della Sabatino. Scapicchi cerca le soluzioni dalla panchina per tentare un insperato recupero. Dentro Ceccarelli e Ferretti per Fiorucci e Marchesi. (26’ e 30’). Il modulo non cambia e neanche il copione della gara. Il Brescia continua a mettere in mostra i suoi talenti offensivi, su tutte la Bonansea, e la Grifo ci mette quantomeno l’orgoglio.  Che non basta per portare a casa un risultato positivo, ma resta comunque un buon indicatore di crescita. La Grifo è in grado di giocarsi la salvezza: chiaramente contro avversari diversi.

Manda i tuoi comunicati stampa a: redazioneperugia@ilsitodiperugia.it